PulcinoElefante: l’editore artigiano

PulcinoElefante: l’editore artigiano

Sono tutti composti a mano con i caratteri mobili in piombo (in stile Bodoni o Times – vedi video), i libretti PulcinoElefante. I testi, prodotti al massimo in 40 copie, sono delle piccole chicche tutte da scoprire.

La casa editrice infatti pubblica plaquettes formate da un testo (un pensiero, un aforisma o una breve poesia) accompagnato da piccole incisioni o disegni originali eseguiti da artisti. Con un formato di 13,5 cm di larghezza circa per 19,5 di lunghezza, i libretti hanno pochissime pagine, in genere otto, cucite tra loro a mano, composte manualmente su una pregiata carta Hahnemuhle tagliata a mano. La copertina porta sempre il marchio del piccolo animale fantastico che è il Pulcinoelefante; la terza pagina presenta il testo, di solito brevissimo; la quinta un’opera d’arte originale; la settima la data e il numero delle copie stampate: mai più di 40. Il resto è un bianco morbido tra neve e panna che abbaglia e accoglie. «Libretti unici» che nascono dal gioco, dall’amore della poesia, o piuttosto, come ripete l’editore Casiraghi, dalla «gioia del bello».

In trentadue anni di attività, Alberto Casiraghi ha stampato 9.178 libretti, la produzione rispecchia i desideri e gli incontri dell’editore con gli autori, poeti sconosciuti ma anche famosi come Allen Ginsberg, Ezra Pound, Gregory Corso, Lawrence Ferlinghetti, Franz Kafka, Samuel Beckett, Jean Cocteau, Wisława Szymborska. Nel 1992 Casiraghi conosce la poetessa Alda Merini e con lei nascono oltre 700 libretti, molti dei quali illustrati da Casiraghi.

Photos: www.facebook.com/edizioni.pulcinoelefante

Recent Posts

Leave a Comment